approfondimenti

Approfondimenti su disturbi e patologie

Disturbi del ritmo mestruale e Agopuntura

Molti disturbi del ritmo mestruale possono essere efficacemente trattati con l’agopuntura.
In caso di ritardo (oligomenorrea) e di scomparsa del mestruo (amenorrea secondaria), di insufficienza ovarica o di premenopausa, l’esito del trattamento può essere efficace in breve tempo. Si tratta in genere di un disturbo globale del "Tchon Mo", gruppo energetico primario che gestisce tutto l’assetto ormonale: con poche sedute è possibile una sua semplice "tonificazione", che può essere sufficiente per rimettere tutto in movimento.

In caso di mestruazioni frequenti e abbondanti lo Studio Zacchi propone tecniche agopunturistiche particolari di “equilibraggio” del sistema "Tchon Mo".

Se l’alterazione del ritmo mestruale è correlato a disturbi di altri sistemi ormonali, ad esempio tiroide e corticosurrene, si propongono tecniche di  cosiddetta “esplorazione” che possono riportare – in cicli di quattro sedute – ordine nel sistema ormonale globale.

Herpes e Agopuntura

L’eruzione herpetica è l’unico esempio di malattia virale curabile con l’Agopuntura.
L’Herpes virus ha la particolarità di localizzarsi nei gangli nervosi paravertebrali. In particolari condizioni (febbre, forti e prolungati stati di stress, shock anche psicologici, stimoli meccanici locali e altro), si può “attivare” e può “migrare” lungo le vie nervose fino alla superficie cutanea dove si manifesta sotto forme di vescicole ed eruzioni brucianti e dolenti.
L’esperienza clinica ha mostrato che, se si induce una stimolazione elettrica per circa 20-30 minuti attraverso gli aghi posti lungo i “meridiani” interessati dal virus, si può avere un effetto di “migrazione di ritorno verso il ganglio” con scomparsa dei sintomi.

Solitamente bastano tre sedute per ottenere un beneficio con remissioni della malattia anche lunghe ma, per avere tali effetti terapeutici, occorre intervenire all’inizio della manifestazione herpetica e non quando questa è conclamata.

Menopausa e Agopuntura

Comunemente indicata per il trattamento delle vampate di calore e delle sudorazioni, l’Agopuntura è utile per molte altre problematiche associate al climaterio, periodo della vita della donna che va dalla premenopausa, quando compaiono le prime irregolarità mestruali, alla menopausa, quando le mestruazioni scompaiono definitivamente, fino alla postmenopausa. 
In questo periodo si verificano importanti e profonde variazioni dell’assetto ormonale e molti possono essere i disturbi.
Possono comparire problematiche cardiovascolari (rialzi della pressione arteriosa, tachicardie), metaboliche (scarsa tolleranza agli zuccheri fino al diabete mellito, rialzi del colesterolo, aumento difficilmente controllabile del peso corporeo), ormonali (alterazioni della tiroide), psichiche (ansia e depressioni), sessuali (calo della libido), osteoarticolari (artriti, artrosi).

Lo studio medico Zacchi propone cicli di sedute di agopuntura per riportare in equilibrio il sistema energetico "Tchon Mo", gruppo energetico primario di gestione di tutto l’assetto ormonale.

Policistosi ovarica o sindrome dell’ovaio policistico e Agopuntura

La policistosi ovarica od ovaio policistico è un complesso quadro clinico che coinvolge l'asse ormonale ovaio-corticosurrene-ipofisi, la funzione del pancreas endocrino con iperinsulinemia basale e il metabolismo dei carboidrati.
L'Agopuntura, assieme a una dieta basata sul controllo dei carichi glicemici, alla detossinazione e all'utilizzo di fitormoni e di rimedi omeopatici, può regolarizzare il quadro ormonale, invertendo il rapporto alterato LH/FSH (ormoni ipofisari di stimolo e regolazione dell'attività dell'ovaio), abbassando il livello di PRL (prolattina) e riportando alla normalità gli ormoni androgeni (testosterone) e corticosurrenalici (androstenedione) così da indurre una corretta ovulazione.


Lo Studio Zacchi propone un programma terapeutico agopunturistico che può variare a seconda della complessità del quadro clinico.
Inizialmente bastano tre cicli di tre sedute di agopuntura per riportare alla normalità l'attività della ghiandola corticosurrenalica, con l'abbassamento del testosterone e dell'androstenedione. Seguono cicli di tre sedute mensili fino alla normalizzazione del quadro ormonale.

Se si desidera una gravidanza, per facilitare e stimolare l'ovulazione, sono indicate successivamente due sedute mensili nel periodo preovulatorio.

Sterilità femminile e Agopuntura

L'Agopuntura si sta rivelando particolarmente utile nella cura della sterilità femminile, poiché regolarizza i cicli ormonali, migliora la funzione ovarica, lo sviluppo follicolare e l’ovulazione, aumentando così le possibilità di fecondazione e di impianto dell'ovulo fecondato. 

Esistono in Agopuntura dei "programmi speciali", chiamati "Meridiani Curiosi o Straordinari", che controllano e regolano tutto l'assetto ormonale generale, dalla tiroide al corticosurrene fino al sistema riproduttivo. Le indicazioni più frequenti sono la micropolicistosi ovarica, l'anovulatorietà, l'insufficienza del corpo luteo e le condizioni di sterilità senza apparente causa. 

L'agopuntura è utile nei casi di infertilità, cioè di aborti ripetuti, e come supporto alla procreazione medicalmente assistita.
La frequenza dei trattamenti dipende dal problema che sta alla base della condizione di sterilità e di infertilità.
In una situazione di apparente normalità della coppia lo Studio Zacchi consiglia, dopo un ciclo di equilibraggio ormonale, di eseguire mensilmente in fase preovulatoria due trattamenti nella donna e uno nell'uomo.

Sterilità maschile e Agopuntura

Uno sperma di scarsa quantità e qualità è la causa più frequente di sterilità maschile.
Eccetto i rari casi di azoospermia, cioè totale mancanza di produzione di spermatozoi, l’Agopuntura può migliorare significativamente la qualità, quantità, morfologia, motilità degli spermatozoi, oltre a regolarizzare i livelli ormonali e il flusso sanguigno testicolare. 
In questi casi lo Studio Medico consiglia una seduta possibilmente settimanale per circa tre mesi per rispettare i tempi di produzione e maturazione dello sperma, che vanno da 72 a 120 giorni.
Se invece lo spermiogramma è normale, basta un solo trattamento prima del periodo ovulatorio della donna o prima di un prelievo di sperma in caso di fecondazione assistita.